[Discussioni] L'espresso sul "copyleft"

Marco Ermini marco.ermini a gmail.com
Mer 16 Feb 2005 11:43:30 CET


[...]
> È più o meno come leggere un articolo titolato: "assoluto? no, ecco la
> relatività", che poi continuasse spiegando che la relatività è una
> teoria ora molto in voga, che essenzialmente vuol dire che tutto è
> relativo (il che non è vero) e che molti la utilizzano.  Senza mai
> nominare Einstein, né mai dire che è una teoria della fisica.  Cosa
> diresti di un simile articolo?  Che è meglio che se ne parli piuttosto
> che non?  Io non sono sicuro che sia un bene che se ne parli così.
[...]

Direi che, come sempre, la cosa più rilevante non è affatto che il
giornalista sia un villano - la cosa non mi giungerebbe affatto nuova
-, ma che come troppo spesso accade si estende una teoria ad un campo
che non le compete... dalla fisica alla filosofia con scioltezza - dal
software all'etica ed alla morale con altrettanta scioltezza...  e non
siamo in una lista certamente vaccinata contro questi problemi (come
dire "guarda prima ai problemi concettuali tuoi, poi a quelli degli
altri"...).

Poi direi che magari a qualcuno qualche dubbio viene, e forse
l'articolo ha raggiunto il suo scopo che è meramente divulgativo -
forse qualcuno approfondirà. Se qualcun altro anziché considerarlo
"divulgativo" lo considererà "informativo" farà ovviamente un discreto
errore - su questo siamo d'accordo -, ma magari non avrà ricevuto
informazioni necessariamente più sbagliate di quelle che riceve da chi
invece spesso e volentieri si spaccia per "esperto"...

Mah, l'unica come sempre è prendere tutto con una buona dose di
coscienza critica, ascoltare tutte le campane - soprattutto da parte
di chi ha una formazione specifica ed un curriculum professionale
sull'argomento in questione, qualsiasi esso sia. E non pensare che la
gente è imbecille, che queste cose non le sappia e che non si accorga
che ciò che legge è una massa di idiozie... come è stato detto più
volte, in Italia (a differenza di molti altri paesi in cui il
giornalista è un professionista serio) le uniche specializzazioni per
gli editorialisti sono la nera, la rosa e lo sport.... e tutto il
resto è un calderone indiscriminato, formatore di "tuttologi" da cui
non puoi sperare molto di più che "ne parlino". Sta poi ai lettori
formarsi una capacità critica e reperirsi fonti più attendibili.

Superiamo il vecchio pregiudizio intellettualistico di doverci
relazionare al pubblico come se dovessimo "educare". Scendiamo dal
piedistallo... e facciamo scendere pure i giornalisti, sono esseri
umani. Dopo aver sentito giornalisti "blasonatissimi" giustificare
guerre e stragi di civili con gli argomenti più assurdi e cinici,
pensi che la gente prenda più ciò che dicono come oro colato? io credo
che la media credibilità della classe giornalistica in sé sia ai
minimi storici...


Ciao.
-- 
Marco Ermini
http://www.markoer.org
Dubium sapientiae initium. (Descartes)
root a human # mount -t life -o ro /dev/dna /genetic/research
<< This message is for the designated recipient only and may contain
privileged or confidential information. If you have received it in
error, please notify the sender immediately and delete the original.
Any other use of the email by you is prohibited. >>



Maggiori informazioni sulla lista Discussioni