[Discussioni] Concorso al Min. Economia: no all Open Source!

Carlo Daffara cdaffara a mail.conecta.it
Mar 12 Mar 2002 13:58:35 CET


A parte che esistono sistemi open che leggono i formati .doc, e senza
scomodare openoffice,
concordo pienamente con il commento. A parte che il committente non e' il
Ministero, ma la Consip Spa, il testo e' stato scritto apposta per una
macchina specifica. Sorpresa sorpresa :-))))
La frase incriminata secondo me e' stata introdotta per evitare la
possibilita' di una alternativa (Linux o *BSD potevano - con un po' di
impegno - arrivare allo stesso risultato).
ciao
						Carlo Daffara

On 12 Mar 2002, Federico Di Gregorio wrote:

> On Tue, 2002-03-12 at 11:47, Umberto Genovese wrote:
>
> > 2) il link indicato nella pagina punta ad un documento in formato
> > proprietario (503172001.doc) e quindi per me, illeggibile.
>
> che il "non open source" e' il minore dei problemi. chi ha steso quel
> bando ha in mente esattamente **1** sistema (al lettore il compito di
> capire quale dagli indizi sottostanti). a me sembra un bando steso su
> misura per favorire un *preciso* fornitore che ha gia' pronto
> l'hardware...
>
> INDIZI
>
> PossibilitÓ di esecuzione di diverse istanze di sistema operativo
>     sullo stesso hardware
>
> Requisiti hardware minimi:
>     ....
>     16 Processori con tecnologia di tipo RISC a 64 bit
>     ....
>
> Requisiti software
>     ...
>     Sistema operativo UNIX rispondente agli standards X/Open XPG4;
>     File system di tipo Journaled (JFS);
>     CompatibilitÓ con il prodotto Oracle Internet Application Server 8i
>         Enterprise Edition.
>     CompatibilitÓ con il prodotto IBM Websphere Advanced Edition 3.0.2
>         e 3.5
>
> --
> Federico Di Gregorio
> Debian GNU/Linux Developer & Italian Press Contact        fog a debian.org
> INIT.D Developer                                           fog a initd.org
>   Mi piace schioccare la lingua fortemente.
>                -- Maria Luisa Benedetta 'Ambrogia Fogar Armaduk' Panzani
>





More information about the discussioni mailing list