[Discussioni]Re: Marchi e brevetti nell

Roberto Micarelli mi.ro a iol.it
Gio 4 Dic 2003 15:02:05 CET


Allora sbrighiamoci a brevettare l'HACKER e a metterlo in vendita, con tanto di fotografie, sul sito dell'associazione.
Nessuno si offre? Io non ritengo di avere... la "fisicitÓ del ruolo". :-)

Rob

> 
> 
> 
> 
> Roberto Micarelli scrive:
> >[..]"Oggigiorno il valore dei prodotti si addensa sempre
> >piu' nei loro contenuti immateriali, di conoscenza, e
> >sempre meno nella loro fisicita'", allora cosa se
> >ne deduce? Che la mia conoscenza e' un prodotto?
> Per loro lo e'. Non solo, la situazione e' piu' grigia: per loro tu (noi)
> sei un prodotto. Non lo dico per banalizzare o per demagogia: i "soliti
> noti" hanno gia' iniziato a brevettare sequenze di geni. Forse sono OT ma
> adesso parliamo di conoscenza (es. algoritmi) e delle strutture che la
> concretizzano (es. hardware), considerando in genere non brevettabile la
> prima ma brevettabile la seconda.
> Ma tra qualche anno, quando l'"espressione" della conoscenza non sara' piu'
> esterna a noi, quando si "programmera'" il dna o le proteine, come
> giustificheremo la nostra ottica favorevole alla brevettabilita' dei
> supporti fisici?
> Mi sembra che questo argomento non sia stato ancora trattato, lancio un
> sasso nello stagno per chiunque sia interessato.
> Se effettivamente sono OT mi scuso anticipatamente.
> 
> Ciao, buon lavoro,      Paolo
> 





More information about the discussioni mailing list