[Discussioni] windows e Infocamere

Giacomo Cosenza giacomo.cosenza a sinapsi.com
Mer 9 Feb 2005 18:13:30 CET


Paolo Mascellani wrote:

> Salve,
>
>>> Allora vediamo se ci sanno dire qualcosa anche su:
>>> http://openfedra.infocamere.it
>>> fase di sviluppo ... ferma da 2 anni... 
>>
>> Caro Dado,
>> bisogna dargli il tempo di prendere visione ed analizzare i problemi 
>> segnalati. La sensibilita' sulla neutralita' degli strumenti che 
>> consentono di fruire dei servizi erogati da pubblica amministrazione 
>> e imprese private e' in forte aumento e questo e' un segnale  tanto 
>> forte quanto importante.
>
>
> D'accordo, ma suona un po' ridicolo dire "hanno bisogno di tempo" dopo 
> due anni che e` ferma. Mi ricorda un sito da cui dovrei ottenere della 
> "formazione a distanza" in relazione ad un corso che sto seguendo e 
> che, quando io ed altri abbiamo fatto notare che c'era uno script che 
> blocca tutti i browser non IE, ma che funziona benissimo anche se si 
> usa un broser qualsiasi che si identifica come IE, ci hanno detto che 
> ci arrangiassimo in qualche modo, ma che per fare la modifica 
> occorreva loro troppo tempo.

Ciao Paolo,
il tempo a cui mi riferivo e' quello che parte da quando la 
"sensibilita'" di cui parlavo, che forse si avvicina al negativo 
dell'ignoranza di cui parli tu, comincia a bussare alle porte degli 
erogatori di servizi di utilitÓ pubblica (in realtÓ mi riferisco anche a 
quelli privati, ma nel pubblico oserei dire che sono "obbligati" a non 
discriminare nessuno tra gli utenti/clienti e a non avvantaggiare 
nessuno tra ifornitori).

>
>> Sono certo che Infocamere ha tutto l'interesse affinche' i suoi 
>> servizi possano essere utilizzati senza alcun vincolo "proprietario" 
>> sui client.
>
>
> Ma perche': chi e` che puo` avere un vantaggio ad avere un sito meno 
> fruibile? Eppure esistono moltissimi siti fatti cosi`. Nella maggior 
> parte dei casi (forse tutti), non si tratta di "cattiveria" o di 
> "vantaggi occulti", ma semplicemente di ignoranza. 

sono d'accordo, vedi sopra. ma al di che spesso l'ignoranza e' prima di 
tutto tra gli html-ari che manco sanno di w3c e dei validatori, c'e' 
anche il problema della distribuzione dei browser. se lo scroso anno il 
98% dei client erano IE e' quest'anno le cose stanno cambiando, anche 
chi eroga i servizi dovra' adeguarsi, perche' saranno i clienti di quei 
servizi, quindi anche noi a segnalarlo.
comunque guarda che se sti html-ari si informassero un poco di piu' 
sulla loro stessa professione, le cose andrebbero meglio da sole senza 
neppure bisogno di mettere nuovamente mano all'html per normalizzarlo 
rispetto a w3c.

> Uno dei test relativi alla FAD di cui parlavo sopra, iniziava con: "Ti 
> chiediamo di preparare un piccolo elaborato utilizzando il programma 
> di scrittura word, rispondendo alle seguenti domande: ..."; che il 
> documento preparato fosse scritto con Word, in realta`, non gliene 
> fregava nulla, tanto e` vero che hanno accettato senza problemi il 
> testo puro che ho inviato come elaborato, ma loro non lo sapevano! E 
> fanno formazione!

va bene. non dubito. cio' non toglie che la sensibilita' sulla 
neutralita', a tutti i livelli, sta crescendo e questo e' un dato 
positivo, perche'  se fino ad oggi  forse nessuno all'interno delle 
aziende che erogano servizi si poneva, per ignoranza, il problema della 
compatibilita' w3c, oggi cominciano a chiederselo e se non se lo pongono 
da soli, questo problema, glielo poniamo noi. poi sara' compito loro 
dimostrare che non dovranno passare altri due anni senza che nulla accada.

Ciao
mimmo

>
> Saluti, Paolo.
>


-- 
Giacomo Cosenza - Sinapsi SpA
Viale Bligny, 27 - 20136 Milano (MI)
Tel. +39 02 582095.1 - Fax. +39 02 582095.21
giacomo.cosenza a sinapsi.com
www.sinapsi.com




More information about the discussioni mailing list