[Discussioni] GPL: libertÓ di utilizzo di un software

Manlio Perillo manlio_perillo a libero.it
Ven 2 Feb 2007 11:40:59 CET


Saluti.

Mi presento: mi chiamo Manlio Perillo e sono uno sviluppatore Python.

E' la prima volta che scrivo, ma il thread "quesito GPL" Ŕ partito da 
una mia domanda su it.comp.software.libero, che Potortý ha gentilmente 
inoltrato qui.

Dato che per un futuro progetto c'Ŕ la possibilitÓ che io usi la GPL (al 
momento ho rilasciato per lo pi¨ librerie, sotto licenza MIT), sto 
studiando nei dettagli la GPL.

C'Ŕ una cosa che non mi Ŕ chiara nel concetto di software libero 
espresso nella GPL.

La licenza si preoccupa della libertÓ di chi riceve copia di un 
programma di poterlo redistribuire e modificare liberamente.

Ma che succede se ad una persona consegno un software compilato in modo 
da funzionare solo su una determinata macchina (ad esempio con una 
chiave hardware o altro) ed il codice Ŕ scritto in un linguaggio il cui 
compilatore non Ŕ disponibile?

L'utilizzatore ha tutte le libertÓ di studiarsi/distribuire/modificare 
il codice, ma non potrÓ mai "utilizzare" il software dato che non Ŕ in 
grado di compilarlo.



Grazie  Manlio Perillo



More information about the discussioni mailing list