[Diritto] Re: [Totally OT] Videogame & GPL

Lo'oRiS il Kabukimono diritto@softwarelibero.it
Fri, 1 Nov 2002 14:04:26 +0100


"Leonardo Boselli" <leo@dicea.unifi.it> :

> > con la GPL questo non  possibile. Mi viene in mente giusto il fatto
> > di fare una licenza che preveda l'esclusiva sulla VENDITA per un tot
> > di tempo (6 mesi? 1 anno? 3 mesi?), e che divenga AUTOMATICAMENTE
> > libera passato quel tempo. ----------------------------------
>
> E cos avremmo il software "semilibero" !

o meglio, parte come semilibero, e dopo tot mesi dal rilascio diventa
libero a tutti gli effetti. se ci rendesse possibile l'introduzione del
software libero nel campo dei videogiochi, e in generale del software
commerciale "di massa" io sarei contentissimo!

> > Copiare un videogioco, ormai non  quasi pi un problema per nessuno,
> > n sotto il punto di vista tecnologico, n sotto il punto di vista
> > morale (quandomai!).
>
> e aloora la licenza non fa effetto !

s che fa effetto. come ho spiegato prima:
  gli utenti il software se lo copiano comunque ed in ogni caso, non
importa se la licenza lo permette o meno;
  e quelli che se lo comprano, se lo comprano comunque e in ogni caso, non
importa se sarebbe legale copiarlo;
  quindi se la situazione fosse questa, i produttori di un videogioco non
perderebbero nulla se rilasciassero un gioco sotto GPL, perch le vendite
non diminuirebbero;

per c' un problema:
  questo funziona se *per le copie vendute* i soldi andassero solo ai
produttori;
  ma dato che  GPL, un qualunque distributore pu mettersi ad
impacchettarlo e distribuirlo lui per conto suo, quindi i produttori non ci
guadagnano pi nulla per le vendite del loro gioco;
  perci  necessario introdurre un metodo per far s che soltanto loro
prendano i soldi delle vendite, per un certo periodo;

e questo metodo  appunto una clausola che rende la vendita un'esclusiva
dei produttori per un periodo di circa 6 mesi.

> > tanto uguale (se non di pi), proprio per il fatto che la "copia
> > gratuita" non  per nulla un incentivo, dato che la gente comunque non
> > si fa problemi...
>
> non esageriamo.

conosci qualche privato che ha comprato un software "perch copiarlo 
illegale"?

> comunque ricordo che la licenza artistic (considerata free) prevede 
> espressamente l'obbligo di cambiare nome alle versioni derivate

s, mi pareva di averlo accennato.

-- 
"Life? What life? Life is for wussies, computers are for real men."
 - Andy
                            . /\ 
Real Name: Lorenzo Petrone   <* >
Web: lano.webhop.net          \/