[Diritto] Gestione di documenti opencontent. [non so se OT]

diritto@softwarelibero.it diritto@softwarelibero.it
Tue, 08 Apr 2003 22:47:31 +0200 (CEST)


Scrive kikko <kikko@linuxfocus.org>:
> Gentili partecipanti alla ML
> buonasera... son Francesco e questo  il mio primo post su questa ML.
> Non son sicuro se il quesito che vi sto per proporre sia OT o meno comunque...
> Dicevo... son Francesco e son un laureando in giurisprudenza. Ho la
> Insieme alla discussione sul tipo di licenza da adottare (FDL o
> OpenContent) io ho proposto di dare (prima della pubblicazione Online... (che
> dovrebbe essere su www.kino3d.com)) certezza alla data di creazione dei
> testi e delle immagini da inserire online. A tal fine ho proposto di
> far apporre su ogni 
> pagina della copia cartacea della E-Zine un timbro con data da parte di
> un pubblico ufficiale (che so, il sindaco di un paese, un primario di
> ospedale etc etc).
A parte che quelli che citi non sono tutti pubblici ufficiali )ho letto il 
thread: il caso del primario ospedaliero [ritengo di clinica universitaria]
o del preside di scuola media si riferivano a certificazione scolastiche o 
assimilabili.
Ti sei dimenticato del caso principe per queste questioni.
Sembra che chi legge questa lista ce l'abbia un po' col diritto di autore e per 
avercela con le parti che tutelano gli editori si dimentichi delle parti che 
tutelano gli autori, e quando ce l'ha con le vessazioni burocratiche, se le 
dimentica quando gli farebbero comodo.
Quindi ricorda: la legge italiana impone di consegnare 4 copie di ogni 
pubblicazione a stampa, non ricordo a che ufficio, ma comunque queste copie 
vanno poi a delle biblioteche.
C' poi una norma particolare per "giornali murali e simili" che consentono il 
deposito anche in numero minore.
Quindi tu potresti stampare una copia del documento, firmarlo digitalmente e 
quando ti fai dare la ricevuta dai come descrizione dell'oggetto la firma 
stessa.
Non credo sia neppure indispensabile che la firma sia certificata in quanto in 
caso di contestazione basta dimostrare di essere in possesso della chiave usata 
per creare il checksum .... e questo nel caso remoto che la copia presente
nella biblioteca sia stata danneggiata o asportata ! in caso contrario
quella fa prova, molta prova.
> Al che gli altri partecipanti all'iniziativa hanno proposto
> una 
> soluzione che a loro modo di vedere risolverebbe il tutto: autoinviarsi
> una 
> raccomandata (R/R o assicurata) al proprio indirizzo. 
> Ho contestato il fatto che le sentenze 68/3339 e 83/186 della cassazione
> civile affermino che Il timbro postale  idoneo a conferire data certa
> alla scrittura privata SOLO SE APPOSTO DIRETTAMENTE SULLA CARTA CHE CONTIENE
> LO SCRITTO E NON SULLA BUSTA O SULL'INVOLUCRO.
 corretto: ma anche questo non  sufficiente in questo caso, tu potresti 
esserti spedito un foglio in bianco e poi compilato.
> A chi dareste ragione?
> Il thread all'indirizzo
> http://www.kino3d.com/forum/viewtopic.php?p=6329#6329