[Diritto] Brevetto software e diritto d'autore

Giustino Fumagalli diritto@softwarelibero.it
Thu, 2 Oct 2003 10:39:58 +0200 (CEST)


Non esistono studi che dimostrano o confuatno tesi a
favore o contro, solo elementi parziali!
So bene visto che l'ho letto ed analizzato lo studio
del MIT, ma anche quello Ŕ uno studio basato
presupposti per definire i su modelli matematici.
Altre note...
a) ho capito la tua obiezione, ma premesso che da
tutte le parti (EPC e USPTO) gli algoritmi meramente
matematici, in quanto formule non sono (o almeno non
dovrebbero) brevettabili.
b) quanto ha speso l centro di ricerca per fornire
alla comunitÓ tale sistema piu' efficiente ? se il
Centro di Ricerca non avesse investito nessuno di noi
avrebbe beneficiato del nuovo sistema... e allora come
fare a conciliare le due cose se non premiando chi ha
investito e ci permette di beneficiare di tale
strumento ?
c) sull'ultima parte sono stato frainteso,
sull'algoritmo a massima efficenza non lo vedo come un
male.. era solo ina info trasmessa per evitare
obiezioni su questo. 

 --- Stefano Maffulli <stef@zoomata.com> ha scritto: >
Come un muto che parla ad un sordo, non ci capiamo. 
> Sei a Milano?  Ci
> vediamo a SMAU? sono al padiglione 11, L05 con la
> FSF Europe.
> 
> On Thu, 2003-10-02 at 10:04, Giustino Fumagalli
> wrote:
> > In sostanza il brevetto nel software arriva dove
> il
> > dda si ferma, a proteggere l'idea sovrastante, ma
> > questa deve essere un'applicazione finita.. ed Ŕ
> per
> > questo che difficilmente Ŕ applicabile ai singoli
> > algoritmi..... che sono solo il mattone per
> arrivare
> > ad un risultato compiuto.
> 
> Esempio pratico: un ricercatore di un istituto di
> ricerca ottiene un
> brevetto su un metodo per la compressione digitale
> di onde sonore
> attraverso calcoli iterativi finche` un certo valore
> viene raggiunto.
> 
> Aldila' della valutazoine dell'innovativita`
> dell'algoritmo in se,
> questo algoritmo insieme ad altri permette di
> migliorare il modo di
> trasportare e archiviare audio digitale.  Diventa
> "prodotto" nella forma
> di vari lettori e registratori audio digitali... i
> quali devono
> implementare in software gli algoritmi (tralasciamo
> il fatto che si
> possono disegnare dei processori che implementano
> tutto in hw): se la
> licenza di brevetto  e` onerosa e discrimina tra i
> destini di uso
> (commerciale, non commerciale ecc) allora tale
> lettore/registratore non
> potra` mai essere rilasciato con una licenza libera
> (o open source, sono
> sinonimi per quanto riguarda la discussione in
> corso).
> 
> La somma dei brevetti intorno allo standard MPEG
> rende l'implementazione
> dei prodotti impossibile se non prendendo accordi
> con i titolari dei
> vari brevetti.  
> 
> Il brevetto non copre il codice (lo so bene), il DDA
> copre il codice che
> implementa tanti algoritmi, alcuni brevettati...
> Cosa debba coprire la
> tua ipotesi di brevetti ancora non ce l'ho chiaro. 
> Parliamone di
> persona se ne hai modo, perche` via mail non ci
> arriviamo :) 
> 
> > Nota addizionale: anche il dda ha un limite, ed Ŕ
> > l'applicazione della "massima efficenza", ovvero
> se io
> > scrivo del codice implementando un algoritmo
> > portandolo alla sua massima efficienza, siccome
> non
> > lascia spazi all'implementazione altrui se non
> > perdendo appunto in efficienza, tale algoritmo non
> Ŕ
> > proteggibile.
> 
> Dimostrami che questo e` un male, per la societa`
> nel suo complesso (non
> solo per qualche azienda) e saro` convinto
> sostenitore delle tue tesi!
> 
> Ovvero, dato che ci sono studi economici, prove
> pratiche ed empiriche
> che smontano in buona parte le tue tesi, devi essere
> tu a dimostrarmi la
> bonta` delle tue.  Portami studi economici
> _indipendenti_ che dimostrino
> la sostenibilta` economica dei brevetti sulle idee
> astratte e posso
> iniziare a cambiare idea.  Fino ad allora resto
> della mia opinione:
> concordo con te che l'EPO sia un problema, ma la
> soluzione sta nel 
> riformare l'EPO, non nel riscrivere e allargare i
> criteri di cosa sia o
> no brevettabile sanciti nella EPC.
> 

> ATTACHMENT part 2 application/pgp-signature
name=signature.asc
 

=====
Giustino Fumagalli
Cell.XXX.XXXXXXX
e-mail: giustinofumagalli@yahoo.it

______________________________________________________________________
Yahoo! Mail: 6MB di spazio gratuito, 30MB per i tuoi allegati, l'antivirus, il filtro Anti-spam
http://it.yahoo.com/mail_it/foot/?http://it.mail.yahoo.com/