Re: [Discussioni] a proposito delle comuni tÓ italiane....

l-i-b-e-r-o a libero.it l-i-b-e-r-o a libero.it
Mar 20 Apr 2004 14:17:08 CEST


Ciao Carlo,

> Non e' semplicissimo commentare alle mail se non e' chiara la definizione che
> usi su cosa sia una comunita' di programmatori. Se intendi comunita' come
> organizzazione strutturata e che ha come statuto/oggetto la scrittura e il
> supporto al software libero in generale direi che di comunita' cosi ce ne sono
> (i vari LUG ad esempio, come menzionato da altri, oppure le aziende che lavorano
> con il software libero).

Indendo gruppi di programmatori italiani che non professionalmente sviluppano SL.
I LUG: me ne hanno indicato uno dicendomi che c'erano 117 programmatori impegnati in un progetto.
In reraltÓ, come confermatomi dal LUG stesso, i programmatori sono solo 4. E il progetto Ŕ tirato avanti da una sola persona. Sempre meglio di niente, ok, ma questa Ŕ la realtÓ dei LUG:
in pochi si scrive codice, in pochissimi c'Ŕ pi¨ di 1 programmatore, in nessuno c'Ŕ una vera e propria comunitÓ, ma solo un gruppo di amici del luogo (3-4 persone al massimo).  



> Se in generale ti riferisci alla presenza di sviluppatori SL italiani, ci sono
> diverse analisi che pongono la comunita' SL italiana al 7% circa della comunita'
> SL mondiale (EU FLOSS survey), forse anche qualcosa in piu' (OSDN/Boston
> Consulting pone gli italiani attorno al 15%). Quindi, se diamo per scontato che
> esiste una comunita' SL mondiale, possiamo dedurre che ne esiste una anche italiana.

Guarda, questo dato (scusa il bisticcio) l'ho dato io prima di te proprio su questa lista. :-)
E puoi andarti a leggere a quali scopi.


> Il problema e' che la tua mail sembra suggerire che tale comunita' non esista,
> vista l'assenza di un client di posta multipiattaforma italiano. Mi sembra un
> salto logico un po' ardito; in primo luogo perche' volerlo *solo* italiano mi
> sembra un po' restrittivo (se arriva una patch da un inglese non va piu' bene?),
> un po' perche' seguendo la stessa logica dovrei dedurre che esiste una comunita'
> SL se esiste un client di posta creato localmente. In tal caso gran parte dei
> paesi risulterebbero non avere piu' una comunita' SL (a parte USA, Germania con
> kmail, Giappone con sylpheed e pochi altri).

No, fai un riduzione dialettica. 
Il senso della mia affermazione lo trovi ben sviscerato a partire dal messaggio di Giangi.
Il nodo Ŕ giÓ stato dipanato molto bene e non serve riaggomitolare il tutto per dire che Ŕ un ragionamento aggrovigliato. ;-)
 
> Forse ha piu' senso utilizzare un criterio diverso: ad esempio SL creato per
> esigienze solo italiane da italiani. Non ci sono molte difficolta' a trovare
> esempi; cosi' su due piedi mi vengono in mente i pacchetti per il protocollo
> informatico (PAflow) e la carta d'identita' elettronica (CIE).

E' un criterio sensato, ma evade dal mio discorso, di cui altre persone hanno ben sviluppato il senso.
Anche io ho la mia piccola comunitÓ. :-)




More information about the discussioni mailing list