[Discussioni] Articolo Interessante su Rekombinant

Alberto Cammozzo mmzz a stat.unipd.it
Gio 18 Nov 2004 15:00:42 CET


On Fri, Nov 05, 2004 at 06:26:22PM +0100, Alberto Cammozzo wrote:
> On Thu, Nov 04, 2004 at 05:31:48PM +0100, Tarapia Tapioco wrote:
> > Ciao mailing list Discussioni a softwarelibero.it,
> > 
> >  Tarapia Tapioco ha pensato che ti potesse interessare il seguente articolo e ha voluto inviartelo:
> > 
> >  Titolo: Sulle libertÓ del software libero
> > 
> >  Argomento: Lavoro Cognitivo
> > 
> >  URL: http://www.rekombinant.org/article.php?sid=2447
> 
> 
> 
> 	Mi spiace che l'articolo non riporti un email cui scrivere
> 	una eventuale risposta: tediero' i soliti...

	Ho ricevuto una risposta personale da Danilo Moi, l'autore
	dell'articolo in discussione, con preghiera di inoltrare in lista,
	cosa che faccio volentieri, invitando l'autore, se lo desidera,
	a partecipare iscrivendosi.


----- Forwarded message from Danilo Moi

Faccio riferimento a questo messaggio
http://softwarelibero.it/pipermail/discussioni/2004-November/011969.html 

Mi permetto di intervenire e chiarire meglio quanto ho scritto nel mio 
pezzo. 

Il software Ŕ "strumento". (se si Ŕ d'accordo su questa affermazione si pu˛ 
proseguire, altrimenti il "punto da sviluppare" Ŕ proprio questo) 

Il software libero Ŕ quindi "strumento".
Uno strumento in quanto tale Ŕ "eticamente e moralmente" neutro. (ovvio)
Solo il suo utilizzo pu˛ essere vagliato "eticamente o 
moralmente".(altrettanto ovvio) 

Non si pu˛ quindi definire la natura di uno strumento attraverso un giudizio 
etico o morale, appunto un "giudizio di valore".
(ovvio e banale) 

Affermare
[...] LibertÓ di ridistribuire copie in modo da aiutare il prossimo (libertÓ 
2). [...]
www.gnu.org/philosophy/free-sw.it.html 

E' un giudizio di valore: "e' giusto aiutare il prossimo". 

Quindi, a mio modesto avviso, definire il sofware libero come "qualcosa che 
aiuta il prossimo" Ŕ banalmente e chiaramente un "errore".
...Anche se sta scritto sul sito della Gnu :-) 

Riguardo la possibilitÓ che questo "Precetto morale" (non ovviamente la pura 
e semplice definzione "Ŕ giusto aiutare il prossimo") vada a finire in una 
licenza, come ho affermato, non lo ritengo remoto.
Addirittura Andrea Glorioso afferma che questo tipo di licenze esistono giÓ. 

Ma, sempre una mia modesta opinione, quand'anche fossero scritte da Ges¨ 
Cristo in persona o dall'individuo pi¨ "illuminato" e saggio che si possa 
desiderare **non sono licenze libere** 

Questo intendevo con il mio modesto pezzo, nient'altro. 

Un saluto
Danilo Moi 

----- End forwarded message -----




More information about the discussioni mailing list