[Diritto] GPL e comodato d'uso

Davide Dozza diritto@softwarelibero.it
Sat, 05 Jul 2003 13:39:08 +0200


Mirko Maischberger wrote:

[...]

> 
>>Questo e' quello che ho in mente. Ossia, produco i router, non li vendo 
>>ma li cedo *solo* in comodato d'uso gratuito mantenendo quindi la 
>>proprietÓ dell'oggetto. Essendo proprietario di tutta la baracca mi 
>>viene da dire che all'utente finale non ho l'obbligo di rilasciare i 
>>sorgenti.
> 
> 
> Per cedere  l'apparecchio in comodato senza distribuire  una copia del
> software bisogna concederlo  in licenza d'uso, no? Ma  l'unico modo di
> distribuire tale licenza e' con la GPL...  o sbaglio?

Questo e' un buon appunto.
Ma non sono certo che il comodato d'uso sia una licenza o piuttosto un 
vero e proprio contratto. Uhmmm.... continuo ad avere qualche perplessita'.

> 
> 
>>Non so se il paragone regge. Faccio un altro esempio. Software 
>>sviluppato a commessa da A per B sotto licenza GPL. B (come A) e' 
>>proprietario del codice.
>>B riceve tutti i diritti della GPL.
>>I dipendenti di B usano il  programma, ma non hanno diritto di avere 
>>accesso al codice sorgente in quanto il trasferimento si applica da A a 
>>B e non sui dipendenti. Correggetemi se sbaglio.
> 
> 
> Anche  in questo  caso  (IANAL) direi  che  non B  non  ha diritto  di
                            ^^^^^
                                |-Cos'e?

> concedere il software in uso con licenza diversa dalla GPL.

Non ho detto che B concede una licenza d'uso. Non credo, ma correggetemi 
se sbaglio, che un dipendente che usa software comprato aziendalmente 
riceva una licenza d'uso. La licenza d'uso e' concessa all'azienda che 
acquista lo strumento.

> 
> 
>>Non e' molto simile la questione? Anche B non distribuisce il programma 
>>semplicemente lo fa usare ai suoi dipendenti.
> 
> 
> Con che diritto? 

Il diritto sta nel fatto che l'azienda ha comprato quel software.
Portato agli estremi, se quel software contiene informazioni che non 
vuole rendere note ai dipendenti, credo che B possa commissionare 
comunque software con licenza GPL e lo fa semplicemente usare ai propri 
dipendenti.

> 
> Mirko
> 
> PS: secondo me e` auto-fud ;-)
> 

Forse. Ma non sono cosi' convinto. Sembrano dettagli ma quando cerchi di 
convincere le aziende ad utilizzare la licenza GPL per lo sviluppo del 
proprio software, occorre essere molto chiari su cosa si puo' o non si 
puo' fare.

Se il software custom sviluppato in GPL fosse automaticamente trasferito 
ai propri dipendenti sai che problema a tenere sotto controllo le 
informazioni? Addio vantaggi competitivi ed addio licenza GPL.

Ciao

Davide